Costruire Casa in Legno al Mare. Pregiudizi, Vantaggi ed Accortezze

Casa in Legno al Mare: pregiudizi, vantaggi ed accortezze

Siamo abituati ad immaginare le case in legno come baite di montagna, immerse nel verde dei prati di altura, al fresco o, addirittura, nella neve. Invece, il concetto moderno di Casa in Legno non ha niente a che vedere con la casetta di Heidi dell’immaginario collettivo.

Come abbiamo ribadito molte volte, infatti, le Case prefabbricate in Legno sono vere e proprie abitazioni tecnologicamente avanzate, sia per metodo costruttivo, sia per abitabilità, durata nel tempo e resistenza agli agenti atmosferici.

Costruire casa in legno: clima e paesaggio

Una casa prefabbricata in legno si presta quindi ad essere realizzata in ogni tipo di contesto; rispettando principi e caratteristiche diverse, adattate in base al clima, ma sempre con grande efficienza ed abitabilità.
La scorsa settimana abbiamo parlato del concetto di bioclimatica e di come la progettazione degli edifici moderni in legno debba essere calibrata ed ottimizzata in base al contesto ambientale.

In questo articolo, vediamo come queste costruzioni si adattino anche al clima marino, analizzando quali siano i pregiudizi, i vantaggi e le accortezze da considerare per godersi la propria Casa in Legno al mare.

Il clima marino

La conoscenza della zona climatica in cui si intende costruire è uno dei passi iniziali fondamentali per ottenere elevate prestazioni termiche ed energetiche dalla propria abitazione in bioedilizia.

Il clima mediterraneo, diffuso lungo le nostre coste, è stato definito da Köppen, importante climatologo tedesco, che lo ha classificato con la sigla Cs climi temperati con estate secca e almeno un mese invernale piovoso. In particolare, i soleggiati litorali italiani definiscono il sottotipo Csa e prevedono un clima tendenzialmente caldo e secco in estate, con temperature medie che nei mesi più caldi vanno ben oltre i 22°C previsti dalla suddetta classificazione.

Le aree marine, in più, possiedono caratteristiche proprie a priori, come ventosità, umidità e salsedine. In inverno, ad esempio, il vento che soffia libero da mare verso terra, porta con sé particelle di acqua salmastra e salsedine.

Caratteristiche del clima mediterraneo

Schematizzando, i fattori ambientali che caratterizzano le nostre coste sono:

  • esposizione solare prolungata;
  • alte temperature estive;
  • elevata escursione termica giorno/notte;
  • ventosità;
  • alto tasso di umidità;
  • salsedine.

Sono tutti fattori che hanno un’influenza nefasta sui manufatti dell’uomo, comprese le abitazioni e indipendentemente dal sistema costruttivo. In altre parole, l’influenza di questi fattori sull’edilizia è trasversale e non c’è modo di evitare che questi agenti intacchino i materiali e le opere edilizie, sia in muratura che in legno.

Abitare in zone costiere

Tutti coloro che abitano in queste aree del paese sanno, infatti, che senza un’adeguata manutenzione, il vento può rovinare l’intonaco; che l’umidità può infiltrarsi nei muri di cemento, scoprendo il ferro; che la salsedine può corrodere il metallo e rendere la struttura fatiscente, se non, addirittura, pericolosa.

In particolare, i manufatti in muratura risentono moltissimo dell’esposizione agli agenti atmosferici delle zone costiere.

Stabilimento balneare in Legno

È per questo che, ieri come oggi, per costruire lungo la costa si utilizzano materiali più naturali, avvezzi al clima della zona, come la pietra ed il legno. Basti pensare che la maggior parte degli stabilimenti balneari e delle strutture ricettive che sorgono nelle località di mare sono realizzate in legno.

Anche il legno, ovviamente, se esposto al sole e agli altri agenti, rischia di rovinarsi. Per questo motivo va scelto con cura, utilizzato e trattato con sostanze che lo rendano resistente ed impermeabile, conservando allo stesso tempo le sue proprietà peculiari: elasticità, sostenibilità, robustezza, isolamento termico e acustico e igroscopia.

Proprio tali caratteristiche, a parità di accortezze da mettere in atto per proteggere l’abitazione, permettono il netto miglioramento di un altro fondamentale aspetto da considerare, oltre al mero mantenimento dell’edificio: il comfort abitativo.

Una Casa in Legno in riva al mare

In realtà, in Italia non è consentito costruire in riva al mare, a causa dei vincoli paesaggistici sui terreni fissati per proteggere le coste da un’edilizia selvaggia, ma l’idea di vivere in una casa vista mare è un sogno per molti.
Anche se non direttamente sulla spiaggia, comunque, grazie alle tecniche costruttive della bioedilizia moderna è possibile costruire case in legno ad altissime prestazioni energetiche e di comfort interno,
in qualsiasi contesto ambientale e climatico.

Progetto di Villa unifamiliare sugli scogli

Per difendere la casa in legno ed il benessere dei suoi abitanti dalle intemperie esistono molti sistemi, come intonaci specifici contro la salsedine, la protezione del legno con trattamenti anti umidità, i test di tenuta all’aria in modo che la casa sia perfettamente isolata.

Anche il sistema costruttivo e la forma della casa sono cruciali per ottimizzarne le performance energetiche. Infatti, nei climi caldi e umidi si tende a mantenere una forma allungata, che faciliti la dispersione del calore attraverso la ventilazione naturale.

Tutte queste tecnologie e metodologie, e le altre che un Costruttore ed un Progettista competenti sapranno consigliare, servono a fare in modo di non privarsi, a causa di falsi pregiudizi e idee inesatte, della splendida esperienza di vivere in una casa in legno “in riva al mare”.

Ricapitoliamo

Abbiamo visto che il clima delle zone costiere è sicuramente un clima difficile per ogni tipo di costruzione e di materiale, ma che, con le dovute accortezze, si può costruire e vivere anche in queste zone, come possiamo facilmente constatare.

Il fatto che le case in legno siano concettualmente abbinate alla montagna è un vecchio cliché.

Infatti, è sufficiente acquisire un po’ di informazioni per rendersi conto dell’infondatezza dei pregiudizi sulle case prefabbricate, in particolar modo su quelle realizzate al mare.

Una Casa Prefabbricata in Legno, al contrario, permette di vivere in un benessere abitativo senza eguali, a parità di condizioni, e il legno, ove opportunamente utilizzato, è un materiale resistente, sicuro ed efficace contro gli agenti atmosferici delle zone costiere.

Scopri il clima e altre informazioni ambientali sul tuo terreno con il Rapporto Ambientale del Terreno e fatti un’idea più precisa dei costi di realizzazione di una Casa in Legno con il Rapporto di Costruzione.

 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE

Case in legno: quali sono le manutenzioni necessarie per farle durare più a lungo?

Acqua e Case in Legno: come difendersi dall’umidità

GUARDA LE TESTIMONIANZE DI CHI HA SCELTO DI VIVERE IN UNA CASA IN LEGNO

 

5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

 
2 Commenti su “Casa in Legno al Mare: pregiudizi, vantaggi ed accortezze
  1. Salve, seguo il vostro blog ormai da diversi mesi, molto interessante, complimenti. Proprio a proposito di casa in bioedilizia al mare mi chiedo: se il legno non è esposto a sole e salsedine ma è presente solo nella struttura portante ed è poi “rivestito” dei classici materiali isolanti acustici e termici della bioedilizia, andrebbe comunque trattato? Considerando che alcune parti rimarrebbero esposte comunque (ad es. le travi del tetto nella parte più esterna…) Me lo chiedo perché in realtà un’azienda – che ci sembra molto seria – ci ha detto che il legno non verrà trattato, pena la perdita delle sue naturali caratteristiche termiche (traspirazione). Cosa ne pensate?

    • Buonasera Domenico,

      grazie per il suo intervento e per il feedback positivo.
      Il legno da costruzione di norma subisce dei trattamenti che lo rendono maggiormente idoneo al suo impiego nell’edilizia, ad esempio con agenti ignifughi o antisettici o con impregnanti che proteggano le parti libere, come appunto, le sporgenze dei tetti. Esiste proprio una normativa europea (la UNI 8662-2:1988) che regola i trattamenti atossici a cui è possibile sottoporre il legno senza alterarne le qualità intrinseche. In ogni caso, le suggeriamo di chiedere un parere ai nostri professionisti del settore (progettisti e costruttori) per fugare ogni dubbio:

      https://www.immobilgreen.it/professionisti/

      https://www.immobilgreen.it/legno/costruttori/

      Sperando di esserle stati di aiuto, rimaniamo a disposizione per qualsiasi cosa.

      Cordiali saluti
      Lo staff di Immobilgreen.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *