Costruire casa in legno: 6 domande che ti farà il progettista

Costruire Casa in Legno: 6 domande che ti farà il Progettista

L’iter per la realizzazione di una casa in legno a basso consumo si discosta solo in parte dal consolidato percorso di chi costruisce un’abitazione in muratura tradizionale per conto proprio.
Non esiste una “corsia preferenziale” per gli edifici in legno in merito alle pratiche autorizzative, né per il rilascio del permesso a costruire né per la chiusura dei lavori con agibilità finale. Va pertanto sgombrato il campo da facili illusioni e preconcetti che spacciano le case in legno per una soluzione a basso costo per costruire edifici su terreni agricoli o non edificabili.

La scelta di Costruire una Casa in Legno: affidarsi ad un Professionista

I sistemi costruttivi in legno costituiscono un’interessante alternativa tecnico-costruttiva al classico laterocemento, con proprie caratteristiche, limiti e vantaggi. Gli edifici in legno sono sempre a carattere permanente e devono soddisfare tutte le normative in vigore: termica, acustica, statica, antisismica, antincendio, sicurezza sui luoghi di lavoro e così via.
Proprio per questo è necessario affidare la progettazione di una Casa in Legno e la successiva direzione dei lavori ad un professionista, possibilmente esperto di costruzioni in legno. Se il tecnico ha avuto l’opportunità di operare nel campo, infatti, dovrebbe essere in grado di guidare il proprio committente attraverso la successione delle varie fasi, partendo dai progetti preliminari sino alla consegna delle chiavi da parte della ditta costruttrice. Quasi sempre le informazioni vengono reperite attraverso internet ed è inevitabile che il progettista debba fornire costante consulenza tecnica ai propri clienti, a partire dai primi incontri, al fine di impostare correttamente il progetto, comprendendone le esigenze attraverso domande e discussioni.

L’importanza di incontrare il Progettista: le 6 domande preliminari

Vediamo insieme quali sono le 6 domande che, molto probabilmente, il vostro tecnico vi farà già al primo incontro, per capire gusto, esigenze e grado di conoscenza della soluzione abitativa per cui chiedete la sua consulenza.

1. Qual è il budget a vostra disposizione?

Parlare di denaro al primo incontro può risultare “scomodo”, ma è determinante per stabilire caratteristiche e dimensione dell’immobile, oltre alla fattibilità dell’intervento. Il progettista dovrebbe calcolare un prezzo di massima comprensivo di terreno, oneri comunali, spese per i professionisti, opere di fondazione, allacciamenti e costruzione in legno fuori terra ai livelli grezzo avanzato, impianti e chiavi in mano.
Tale preventivo, pur con i dovuti margini, deve consentire di realizzare un edificio che soddisfi le esigenze funzionali ed architettoniche del nucleo familiare. Eventuali risparmi ed ottimizzazioni sono possibili sacrificando in parte alcuni aspetti dell’edificio, diminuendo un po’ le dimensioni ed affidando alcuni lavorazioni ad artigiani di zona.

PER APPROFONDIRE, LEGGI ANCHE: I 6 Fattori che influiscono sul Prezzo di una Casa in Legno Prefabbricata

2. Perché volete costruire una casa in legno?

Si tratta di comprendere le motivazioni di fondo che spingono ad optare per una costruzione in legno. Può essere che si voglia ricercare un benessere naturale, abbassare il peso delle bollette energetiche, compiere una scelta di responsabilità nei confronti dell’ambiente oppure che si scelga per i costi certi o per i tempi di costruzione più veloci. Ma non è escluso che alcune persone credano di spendere assai meno che costruendo in muratura tradizionale, fuorviati da qualche offerta reperibile su internet, che non trova alcun riscontro nella realtà.
E’ bene quindi mettere subito in chiaro che i costi della bioedilizia prefabbricata in legno sono sostanzialmente equiparabili al laterocemento isolato.

PER APPROFONDIRE, LEGGI ANCHE: Case in legno: NO alle truffe sui social!

3. Qual è il vostro livello di esperienza con le case in legno?

Alcuni clienti possiedono una certa formazione, grazie all’abbondanza di materiale reperibile sul web e alla partecipazione a fiere specializzate; altri ancora hanno contattato direttamente aziende costruttrici e visitato cantieri o abitazioni finite. Il progettista dovrebbe comprendere il livello di preparazione, al fine di dare il giusto peso ad eventuali “punti fermi” nelle scelte del proprio cliente che possono dipendere da una visione frammentata e parziale.
Se possibile, può essere una buona soluzione colmare in parte eventuali lacune proponendo loro di andare a visitare di persona le proprie realizzazioni.

4. X-Lam o telaio? La scelta del costruttore

Si tratta di un tema oggetto di ampia discussione, in particolare per stabilire quale sia il sistema costruttivo “migliore”. In realtà la questione centrale riguarda l’approccio al cantiere che nelle costruzioni a pannelli xlam permette una maggiore flessibilità durante la fase di costruzione, quasi sempre ad opera di aziende locali di dimensioni medio-piccole, ma comporta anche tempi più lunghi ed una maggiore influenza dei fattori atmosferici e ambientali.
Le pareti a telaio vengono invece prefabbricate in stabilimento, comprensive di infissi e sistemi di oscuramento, cappotti, isolamenti, pannelli, predisposizioni impiantistiche. Quasi sempre si tratta di aziende medio-grandi, che obbligano a definire ogni aspetto dell’edificio in fase di campionatura. Le case prefabbricate a telaio risentono in minima parte delle specifiche condizioni di cantiere e garantiscono sempre alti standard qualitativi e tempi di costruzione più ridotti.

PER APPROFONDIRE, LEGGI ANCHE: Case in Legno: Meglio X-LAM o Telaio?

5. Quali devono essere le caratteristiche funzionali ed architettoniche del progetto?

Alcuni clienti incontrano il professionista con le idee molto chiare sulla direzione da prendere, altri invece hanno un’idea vaga della propria futura abitazione.
Nel primo caso, il progettista deve dare forma concreta alle esigenze della committenza, trovando il giusto compromesso tra aspetti funzionali, normativi, costruttivi ed architettonici, forzando, se necessario, eventuali scelte scorrette ed incongruenti.
Nel secondo caso, il progettista dovrà scovare alcune importanti indicazioni mediante un’analisi indiretta (non strettamente collegata al progetto) di gusto, passioni, inclinazioni, sensibilità e stile di vita.
Partire da zero, senza richieste precise, può sembrare un vantaggio, ma il cliente indeciso fatica a concretizzare il proprio sogno, costringendo molto spesso il tecnico a progettare più versioni della casa, molto diverse tra loro.

6. Quali impianti e finiture per la vostra abitazione?

D’accordo, forse stiamo correndo un po’ troppo per essere solamente il primo incontro, ma, anche in questo caso, si tratta di indicazioni utili per iniziare a conoscere i propri clienti, che quasi sempre sono ancora dei perfetti sconosciuti agli occhi del progettista.
Una certa preparazione nel campo impiantistico può raccontare molto delle persone che siedono davanti al tecnico. Non necessariamente le scelte iniziali verranno confermate in fase esecutiva, dato che si deve passare obbligatoriamente per una verifica termotecnica approfondita.

Anche discutere di finiture può fornire indicazioni importanti al progettista che possono essere utili per inquadrare nel dettaglio alcuni spazi dell’abitazione. Ad esempio una cucina può essere un semplice ambiente operativo, separato o integrato al soggiorno, oppure un locale di ampie dimensioni dove pranzare e vivere a lungo, illuminato da ampie vetrate, con un isola centrale ed accesso ad una dispensa retrocucina.

Per concludere

In conclusione, prima ancora dell’inizio della vera e propria fase di progettazione, ti consigliamo di incontrare uno o più professionisti con cui discutere delle tue esigenze personali/familiari e delle aspettative riguardanti il tuo progetto di vivere in una casa in legno, per chiarire i tuoi dubbi e capire se davvero è la soluzione più giusta per te.

Se vuoi saperne di più sulle Case Prefabbricate in Legno, scopri la nostra Guida.

PER APPROFONDIRE, LEGGI ANCHE: Come scegliere la Casa in Legno Prefabbricata giusta per Te

5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *