Materiali e soluzioni moderne Case in Bioedilizia

Case in Legno moderne: materiali e soluzioni più ricercate

I nuovi temi delle costruzioni in bioedilizia

Il mondo delle costruzioni, in particolare il settore degli immobili residenziali, è in costante e veloce sviluppo. Solo una decina di anni fa temi come risparmio energetico, bioclimatica, bioedilizia, sostenibilità erano argomenti di nicchia e termini utilizzati in modo improprio dai costruttori.
Un forte impulso al cambiamento trova origine nell’evoluzione normativa delle nuove costruzioni, improntata ad una sempre maggiore efficienza energetica degli involucri (serramenti, facciate, tetti), all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili per gli impianti termosanitari, di materiali naturali e certificati, di soluzioni bioclimatiche che tengano conto dell’orientamento solare. Anche le nuove norme in materia di antisismica impongono la realizzazione di edifici elastici e resistenti a terremoti di forte intensità. Queste tematiche hanno portato una profonda trasformazione dell’edilizia in Italia, agevolando la diffusione nel nostro paese delle case prefabbricate in legno a basso consumo energetico e delle soluzioni in bioedilizia.

La soluzione “chiavi in mano”

Le moderne case prefabbricate in legno rappresentano una soluzione “già pronta” in quanto, nella formula “chiavi in mano” offrono un pacchetto di soluzioni collaudate mirate a realizzare edifici antisismici, isolati termoacusticamente, corredati di un’impiantistica basata sull’impiego prevalente di fonti energetiche non fossili (pompe di calore, pannelli solari termici e fotovoltaici, ventilazione meccanica controllata), impiegando un materiale per definizione rinnovabile e riciclabile, a bassissimo impatto ambientale.

L’evoluzione architettonica delle case prefabbricate in legno

Le prime case prefabbricate che timidamente facevano comparsa nel nostro paese riflettevano nella forma l’origine nordica. Si trattava quasi sempre di edifici di foggia piuttosto tradizionale, con tetti a falde di inclinazione accentuata, il cui stile ricordava maggiormente le abitazioni di montagna o d’oltralpe che la tipica architettura residenziale italiana. La recente diffusione delle costruzioni in legno ha ampliato a dismisura l’offerta di aziende, sistemi costruttivi, materiali, soluzioni architettoniche.
Quasi tutte le ditte costruttrici di case in legno hanno compreso che non è sufficiente proporre prezzi aggressivi per conquistare quote di mercato; l’acquirente italiano richiede qualità, impiego di materiali certificati e traspiranti, oltre ad uno stile contemporaneo e una accentuata personalizzazione progettuale.

Differenze tra mercato italiano e mercato tedesco

Vale la pena di sottolineare le profonde differenze tra le esigenze del cliente italiano e tedesco (o austriaco). In Germania le case prefabbricate devono raggiungere buoni valori di isolamento termico ad un giusto prezzo (sono infatti percepite come soluzione costruttiva “economica”). Il cliente tedesco, non è particolarmente interessato a personalizzare la propria abitazione, opta quasi sempre per le soluzioni standard a catalogo, ottimizzate funzionalmente e termicamente, solide e durevoli, non ha particolari necessità impiantistiche e di finitura, ancor meno stilistiche.
Le aziende hanno compreso velocemente che questo approccio non funziona nel nostro paese.

Stile, colori e materiali delle abitazioni contemporanee in bioedilizia

Grazie allo stimolo della concorrenza, le ditte presenti sul mercato italiano hanno compreso che il potenziale acquirente desidera una casa in grado di distinguersi dalle altre, che rispecchi le proprie personali esigenze, luminosa, confortevole, tecnologica, contemporanea. L’insuccesso delle case modello (o a catalogo) è dovuto soprattutto all’evidente mancanza di personalizzazione, anche se non mancano proposte architettoniche di qualità, tradizionali o moderne.
Le case in legno moderne sono realizzate con sistemi costruttivi versatili, in grado di dare forma ad ogni progetto.
Molti clienti amano uno stile tradizionale, legato al territorio nei colori, nella scelta dei materiali e dei rivestimenti di facciata, degli oscuramenti e valorizzato da dettagli architettonici unici.
Se il tetto è a falde, grande attenzione viene posta nella scelta cromatica delle tegole, abbinando due o più colori tra loro o scegliendo tinte scure. Le parti in legno a vista, come le sporgenze delle gronde o i portici, vengono spesso sbiancate per accentuare la luminosità, le lattonerie e gli elementi metallici sono preferibilmente di colorazione chiara. Le pitture di facciata prevalenti sono il bianco, la gamma dei grigi, il tortora, il beige ed il marrone. Non mancano i rivestimenti in pietra ricostruita per mettere in evidenza alcune parti esterne come pilastri, setti o pareti cieche.
I serramenti sono preferibilmente di colore bianco, accostati a scuretti o avvolgibili.

Lo stile ibrido delle case prefabbricate moderne

La predilezione per vetrate di ampie dimensioni, minime sporgenze del tetto, colori poco saturi, rende l’insieme delle case in legno moderne più contemporaneo, dando vita ad uno stile “ibrido” (tradizionale, ma più “leggero”), attualmente molto apprezzato per la realizzazione di abitazioni in bioedilizia.
Una buona fetta delle case in legno montate nel nostro paese adottano un linguaggio esplicitamente moderno con terrazze e tetti piani. Si tratta quasi sempre di fabbricati di importanti dimensioni, con grandi vetrate schermate da frangisole, colori bianchi abbinati ad inserti e porzioni di facciata di tonalità più scura, rivestimenti esterni in doghe di legno o pannelli laminati.

Gli spazi interni delle case in legno moderne

Indipendentemente dallo stile architettonico, gli ambienti interni si caratterizzano quasi sempre per le dimensioni ampie ed un’accentuata luminosità, grazie alle grandi vetrate ed alle tinte prevalentemente bianche (la moda delle pareti colorate è di fatto tramontata da qualche anno).
Chi realizza una casa in legno apprezza la presenza visiva e tattile di questo materiale, scegliendo spesso pavimenti in parquet di grande formato, lasciando a vista le venature naturali di porte interne ed infissi esterni, evitando di rivestire le strutture portanti del tetto e del solaio con pannelli.
Il legno può mantenere il suo aspetto naturale, può essere sbiancato o tinteggiato con vernici leggere all’acqua, assolvendo la funzione di “scaldare” l’insieme, in abbinamento ad un arredamento sobrio e moderno.
Una menzione a parte va spesa per le luci per interni, oramai monopolizzate dai moderni led a risparmio energetico, che garantiscono un’illuminazione diffusa degli ambienti e notevoli effetti scenografici, grazie alla possibilità di modularne l’intensità luminosa ed all’assenza di corpi illuminanti puntuali (lampadari, plafoniere, applique), optando in particolare per la distribuzione di elementi ad incasso (faretti o strisce led).

5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *