Direzione lavori: quanto costa e in cosa consiste

Direzione Lavori di un cantiere edile: in cosa consiste e quanto costa

In un precedente articolo abbiamo parlato delle figure professionali necessarie per realizzare una casa in legno, oggi vediamo nello specifico il ruolo, le mansioni e i costi del Direttore dei Lavori.

La figura professionale del Direttore dei Lavori

Una tra le più importanti figure professionali che operano in un cantiere edile è rappresentata dal Direttore dei Lavori, incarico centrale ed obbligatorio per legge, la cui funzione diverge in parte tra l’ambito dei lavori pubblici e gli appalti privati, di cui parleremo oggi. Ricordiamo che tra questi ultimi rientra anche il caso del committente che realizza da sé la propria abitazione.

Obblighi e requisiti del Direttore dei Lavori

Il Direttore dei Lavori deve essere una figura competente ed imparziale: non deve avere conflitti di interesse con le ditte esecutrici, operando unicamente per conto e nell’interesse del proprio committente.

Deve possedere adeguate competenze tecniche che richiedono precisi requisiti professionali, come la laurea in Architettura o Ingegneria oppure il diploma di Geometra.

Nel settore delle case prefabbricate in legno, progettista e Direttore dei Lavori quasi sempre coincidono in un’unica persona.

I compiti del Direttore Lavori

La normativa prevede un gran numero di mansioni per il Direttore dei Lavori, tra cui provvedere alla consegna e contabilità dei lavori, effettuare i controlli sui materiali e le prove degli impianti, verificare le disposizioni in materia di sicurezza nei cantieri, emettere gli stati di avanzamento lavori, provvedere alle varianti, alle sospensioni e riprese dei lavori, redigere i verbali di accettazione e consegna, nonché dichiarare presso i pubblici uffici la fine dei lavoriottenere l’agibilità dell’edificio.

Il principale compito della DL, dunque, è di vigilare l’andamento dei lavori per conto del committente, dal quale viene direttamente incaricato e al quale risponde, facendo rispettare le disposizioni contrattuali concordate con le imprese e gli artigiani, impartendo le necessarie prescrizioni tecniche per l’esecuzione dei lavori a regola d’arte, secondo i disegni concordati e forniti.

In pratica, egli deve garantire la regolare esecuzione dei lavori secondo quanto previsto all’interno degli elaborati progettuali ufficiali e dei contratti, nel rispetto delle norme tecniche vigenti.

Sorvegliare il cantiere non significa ovviamente stazionarvi permanentemente, ma richiede di controllare la costruzione in tutte le varie fasi di realizzazione, mediante visite periodiche e riunioni tecniche.

La DL deve segnalare al committente eventuali danni o manchevolezze esecutive, assumendosi la responsabilità di una carente vigilanza o della insufficiente disposizione di istruzioni.
Il Direttore dei Lavori può operare anche mediante propri collaboratori qualificati, rispetto all’operato dei quali resta unico responsabile.

Riassumendo, i principali compiti del Direttore dei lavori sono di verifica rispetto:

  • all’andamento dei lavori;
  • alla conformità delle opere con il progetto autorizzato;
  • la conformità delle opere con la normativa tecnica;
  • alla correttezza tecnica delle lavorazioni;
  • alla correttezza contabile relativamente alla liquidazione dei lavori;
  • alla completezza degli atti amministrativi.

La Direzione dei Lavori delle Case in bioedilizia

Come abbiamo detto più volte, il settore delle case in legno a basso consumo energetico sta trovando ampia diffusione in Italia negli ultimi anni, spinto dai recenti adeguamenti normativi in ambito energetico ed antisismico. Le case in legno prefabbricate rappresentano una soluzione costruttiva di valore, con bassissimi consumi energetici ed elevati standard di comfort bioclimatico.

Questo scenario ha permesso a moltissimi professionisti di confrontarsi con le costruzioni in legno, ampliando l’offerta di tecnici specializzati in tale ambito rispetto al recente passato.

Le costruzioni in bioedilizia come le case prefabbricate in legno non rappresentano un contesto specifico e differenziato per la conduzione della Direzione dei Lavori, i compiti suddetti infatti coincidono indipendentemente dal sistema costruttivo o dai materiali impiegati nel cantiere e devono essere svolti con diligenza dal professionista incaricato.

Competenze tecniche specifiche

Va da sé che al Direttore dei Lavori è richiesta competenza tecnica, al fine di svolgere la propria mansione in modo corretto. La conoscenza della materia è pertanto necessaria, per evitare errori di inesperienza che possono portare a sottovalutare delicati aspetti tecnici e normativi. Un’errata conduzione del cantiere può infatti comportare decisioni scorrette e difetti del fabbricato.

Ad esempio, un corretto smaltimento delle acque meteoriche dalle coperture ed uno studio rigoroso dell’attacco a terra del fabbricato evitano pericolose infiltrazioni di umidità dovute a ristagni su tetti e terrazze e risalite per capillarità attraverso le pareti.
Si tratta di temi scontati per un professionista esperto e competente, ma non sempre evidenti per un Direttore dei Lavori poco avvezzo agli immobili in legno.

La parcella del Direttore dei Lavori di una Casa in legno

Quanto costa al committente un Direttore dei Lavori che vigili sulla costruzione della propria casa in bioedilizia?

Ci riferiamo per semplicità ad una villa singola isolata di media metratura, da realizzare in struttura lignea (a telaio o a pannelli in xlam), appaltando i lavori ad un’azienda del settore (indifferentemente, un piccolo artigiano o un’industria di costruzioni). Questo parametro incide in minima parte sull’impegno del professionista e di conseguenza sui relativi costi. Al contrario, alcune caratteristiche del lavoro possono determinare sensibili oscillazioni dell’importo.

La durata dei lavori

Un primo aspetto è la durata dei lavori. Il cantiere di una casa in legno può durare da 4 a 12 mesi. Una media di 8 mesi per la consegna dell’opera è abbastanza comune, una durata inferiore può produrre uno sconto pari a 10-15%, mentre un cantiere di un anno andrebbe maggiorato della medesima percentuale.

Il Livello di finitura

Un secondo parametro è la scelta del livello di finitura. Un cantiere “chiavi in mano” sposta molto del lavoro decisionale alla fase esecutiva, antecedente all’inizio dei lavori, mentre i livelli di finitura inferiori (grezzo, grezzo avanzato, impianti) richiedono una presenza più assidua in cantiere ed una maggiore capacità di coordinamento dei lavori tra le varie ditte da parte del Direttore dei Lavori.

Lo scenario più impegnativo è rappresentato dalla realizzazione della struttura portante al grezzo ed il successivo completamento dell’opera mediante ditte ed artigiani locali appaltati direttamente dal committente. La differenza tra un livello chiavi in mano ed una costruzione grezza da completare in proprio può arrivare al 30% della parcella.

Progettazione e Direzione Lavori

Come dicevamo, quasi sempre il Direttore dei Lavori è anche colui che ha progettato la casa in legno. Un incarico congiunto prevede quasi sempre uno sconto consistente, che può essere stimato intorno al 30% di un incarico limitato alla sola DL. In molti casi vengono inclusi altre voci come la sicurezza o l’accatastamento finale.

Riassumendo, un Direttore dei Lavori, coincidente con il progettista, incaricato per seguire il cantiere di una casa in legno di medie dimensioni, la cui durata dei lavori sia pari ad 8 mesi, appaltata ad un’azienda del settore ad un livello chiavi in mano, avrà un costo collocabile tra 8.000 € e 12.000 €, con le variazioni sopra descritte.

5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *