Prefabbricati e Furti: quanto è sicura una casa in Legno?

La casa in legno e la paura delle intrusioni indesiderate

Il timore di intrusioni e furti è in cima alla lista delle preoccupazioni di chi possiede casa e riguarda ogni tipo di abitazione, a prescindere dai materiali e dalle tecniche di costruzione impiegate per realizzarla.
Può sembrare un rischio più concreto nel caso di edifici prefabbricati, per il fatto che le pareti sono costituite in legno, materiale biodegradabile e naturale. Questo fatto induce qualcuno a pensare che chiunque, armato di una sega o di un cacciavite, possa entrare con facilità all’interno dell’abitazione. Iniziamo col tranquillizzare chi crede che questo sia vero, dicendo che le case in legno sono assolutamente sicure, esattamente alla stregua delle case in muratura. Vediamone le motivazioni.

Facili e azzardati pregiudizi

furtiecaseinlegno

Come abbiamo visto in un precedente articolo, abitare in una casa in bioedilizia e beneficiare dei vantaggi ad essa associati è un desiderio che in molti mettono nel cassetto, spesso per timori e pregiudizi che vengono associati a questo tipo di costruzione. La paura di intrusioni e furti, a causa di pareti ritenute inconsistenti, è uno dei timori più frequenti tra chi ha interesse all’acquisto di una casa in legno.
Si ritiene, erroneamente, che le pareti in legno delle case prefabbricate siano dei sottili pannelli facilmente attaccabili da un semplice attrezzo da falegnameria. Ovviamente non è così e le case in legno, proprio come quelle realizzate con tecniche costruttive tradizionali, sono del tutto sicure e definire sottili e fragili le loro pareti è decisamente inesatto.

Pareti a prova di scasso

Prima di tutto, l’eventuale malintenzionato dovrebbe sapere a priori che la casa che ha di fronte è una casa costruita in legno e questo è molto difficile, dato che l’aspetto estetico finale dell’abitazione (salvo diverse direttive del cliente) sarà praticamente identico ad una casa in muratura. Le rifiniture esterne e l’intonaco, infatti, rendono la casa in legno perfettamente equiparabile alle case tradizionali. Ma questo è solo un dettaglio superficiale, perché in realtà c’è molto di più per stare sereni.

Mentre le pareti di una casa in muratura potrebbero essere danneggiate anche in parte con un martello, grazie alla rottura dei mattoni forati (facendo, comunque, un certo rumore), le pareti di una casa in legno possono essere forate solo con una sega a motore, con conseguente forte rumore, grande dispendio di energie e con un elevato rischio di incontrare cavi ad alta tensione e tubi di acqua o gas.

Non si tratterebbe, infatti, di forare due sottili pannelli rivestiti di cartongesso, ma una vera e propria parete di circa 30 – 35 cm, multistrato, resistente e compatta. In particolare, le pareti costruite con tecnologia X-LAM, con proprietà autoportanti, rappresentano un vero e proprio muro di legno.

 

Parete X-Lam_sk

La sicurezza non è mai troppa

Ciò non toglie che adottare comportamenti adeguati e mirati alla sicurezza, sia il miglior modo per vivere in tranquillità e sicurezza all’interno della propria abitazione. Infatti, proprio come per le case in muratura, un ladro tenterà di entrare da quelli che sono ritenuti i punti deboli di tutte le abitazioni, ovvero porte, finestre e serrande del garage, che, dunque, andranno controllate periodicamente.

Quindi, come si farebbe con qualunque tipo di metodologia costruttiva della propria abitazione, per evitare furti ed intrusioni risulta fondamentale fare attenzione a:

  • tenere ben chiuse tutte le aperture, specialmente se facilmente raggiungibili;
  • utilizzare porte, infissi e serramenti a norma e con soluzioni antintrusione;
  • dotarsi, eventualmente, di un sistema di videosorveglianza e allarme;
  • tenere ben illuminato il perimetro;
  • mantenere buoni rapporti con il vicinato, così da essere avvisati in caso di movimenti sospetti.

Tirando le somme

Insomma, vivere in una casa in legno è assolutamente sicuro, perché le pareti sono resistenti e solide al pari di quelle in muratura. Lo spessore e la costituzione dei pannelli esterni, infatti, li rendono una superficie compatta che un malintenzionato dovrebbe aggredire con fatica, rumore e strumenti specifici, proprio come per le altre tipologie costruttive, se non con maggiori difficoltà.
Piuttosto, è sempre bene prendere le giuste precauzioni di sicurezza, come chiudere ogni ingresso, illuminare l’esterno di notte ed avere buoni rapporti con i vicini.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *