Come avere l' Attestato Prestazione Energetica

L’Attestato di Prestazione Energetica

L’attestato di prestazione energetica: tutto quello che c’è da sapere su questo fondamentale certificato

L’ape: per conoscere la qualità energetica degli immobili

Hai mai sentito parlare dell’attestato di prestazione energetica? Stai cercando casa e desideri individuare una soluzione abitativa che sia garanzia del massimo comfort e vuoi far sì che la qualità del vivere all’interno delle mura domestiche cammini di pari passo con il contenimento dei consumi energetici per il riscaldamento e il raffrescamento? Devi sapere che l’attestato di prestazione energetica è il fondamentale certificato che descrive le caratteristiche energetiche di un immobile e che sintetizza -in una scala che va dalla A4 alla G- le prestazioni energetiche e, quindi, la qualità di un edificio. Optare per un’abitazione in classe A4 o A3 significa ridurre sensibilmente le spese che la famiglia affronta ogni mese per l’elettricità e il riscaldamento e scegliere un immobile destinato a vedere incrementato il suo valore nel tempo.

 

L’ape: un certificato obbligatorio

L’attestato di prestazione energetica trova la sua disciplina nel decreto Legislativo 192 del 2005, nella Legge 90 del 2013 e nel Decreto Ministeriale del 26 giugno 2015 che determina le linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici. L’ape è obbligatorio: deve essere redatto al momento della compravendita, della donazione o della locazione di un immobile e va aggiornato in caso di lavori di riqualificazione o di ristrutturazione che modificano la prestazione energetica dell’immobile. Anche nel caso di annunci immobiliari di vendita o di affitto di immobili, è necessario richiedere la redazione dell’attestato prima della pubblicazione, per fare in modo che l’annuncio contenga le informazioni relative alle prestazioni energetiche. In definitiva, quando è in gioco l’acquisto o la locazione di un’abitazione, l’ape si rivela uno strumento davvero utile e di immediata comprensione per valutare la convenienza economica degli immobili in relazione ai consumi energetici.

 

L’ape e la figura del certificatore energetico

A chi rivolgersi per ottenere l’ape? Chi è il professionista autorizzato a rilasciare questo indispensabile certificato e in che cosa consiste la sua attività? La figura del certificatore energetico gioca un ruolo centrale nel rilascio della targa energetica che sintetizza le caratteristiche dell’immobile. Il certificatore energetico è un professionista accreditato, formato ad hoc per svolgere quest’attività ed abilitato alla progettazione di edifici e di impianti. Potrai, pertanto, rivolgerti ad un architetto, ad un’ingegnere o ad un geometra. Nel dettaglio, il certificatore procede ad un’analisi energetica dell’immobile, valuta lo stato delle murature e degli infissi, i consumi, la produzione di acqua calda, il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti, il tipo di impianto presente e l’eventuale disponibilità di sistemi di produzione di energia rinnovabile. L’ape va conservato con il libretto della caldaia e consegnato al nuovo proprietario o al locatario.

 

L’attestato di prestazione energetica: i vantaggi di una casa green

Scegliere di vivere in una casa green, posta secondo l’ape in classe A, significa fare un investimento a tutto vantaggio della qualità del vivere. Innanzitutto, una casa ecologica è garanzia del massimo comfort abitativo, in quanto priva di sbalzi di temperatura, di spifferi, di umidità e di condense. Le spese per riscaldarla e refrigerarla sono molto contenute e il valore di mercato dell’abitazione è sensibilmente maggiore rispetto a quello di un’immobile identico per caratteristiche estetiche ma energeticamente inefficiente. Che tu scelga una casa tradizionale in muratura o che tu decida di accordare preferenza ad una casa in legno dall’impareggiabile comfort bioclimatico, ricorda di ponderare con attenzione la tua scelta e di considerare, quale fattore determinante per la decisione, le prestazioni energetiche dell’immobile. A beneficiarne non sarà solo la bolletta, ma anche e soprattutto la qualità del tempo trascorso all’interno delle mura domestiche.

Condividi su...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn
5.0
votato da 1 persone
 

Potrebbero Interessarti Anche I Seguenti Articoli