realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” -Complesso Termale Cassano allo Ionio realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio  realizzato da Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra, Progettazione architettonica a Messina

Richiedi Informazioni

Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra

Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra

Dettagli Richiesta

Hai bisogno di un Mutuo?   Si   No



“Realizzazione Copertura in Legno Lamellare su Piscina Esistente” Complesso Terme Sibarite - Cassano Allo Ionio

Progettista Arch. Giovanni Marra 3287187348

NATURA E FINALITÀ DEL PROGETTO

L’intervento previsto interessa la piscina termale individuabile all’interno del complesso delle Terme Sibarite spa. Le Terme Sibarite sono situate in una cittadina (Cassano Allo Ionio) dal passato ricco e affascinante, di cui rimangono evidenti tracce ancora oggi nei resti della città di Sibari e nei tesori conservati nel Museo della Sibaritide. Si sviluppa su un’area di 23.000 mq circa, a nord - est del centro abitato di Cassano allo Ionio posto a circa 250 metri s.l.m. Il complesso termale – alberghiero “TERME SIBARITE” comprende un’ampia struttura dotata dì edifici che sì sviluppano sfruttando il dislivello naturale del terreno, in modo da inserirsi organicamente nel paesaggio. L’obiettivo di tale intervento è quello di fornire una copertura per rendere la piscina in gran parte coperta, lasciandone comunque una parte scoperta. Ciò consentirà di allungare l’utilizzo anche nei periodi invernali e precisamente da ottobre ad aprile senza interrompere l’attività della stessa.

Le opere previste concorrono al seguente duplice obiettivo:

  • l’adattabilità della struttura anche ai fini extratermali per l’esercizio delle attività sportive compatibili con la struttura stessa, mediante la riconformazione della piscina con una nuova copertura in legno lamellare che assicuri l’altezza minima richiesta dalle normative in materia di edilizia sportiva, sufficiente all’attività agonistica di alcune discipline;
  • l’ottimizzazione del generale status di efficienza funzionale del complesso termale, con ricaduta positiva sulla complessiva gestione delle terme.

L’intervento previsto ha tenuto conto dell’intero contesto esistente, riducendo al minimo l’impatto con la nuova struttura in legno. Come meglio evidenziato nelle immagini e nelle tavole grafiche allegate relativamente all’ambito degli interventi del progetto di Fattibilità, risulta evidente che la scelta del posizionamento della nuova copertura tende ad integrare la situazione esistente (corpo degli spogliatoi) con tutto l’ambiente circostante. La scelta, pertanto, è stata quella di porre la nuova copertura in una posizione adagiata alla costruzione esistente degli spogliatoi. Tale soluzione arcuata, pone la copertura della piscina come elemento di raccordo tra il corpo di fabbrica esistente degli spogliati in cemento armato e la zona destinata alle attività natatorie e di balneazione nonché il solarium esterno. Per quest’ultimo è previsto anche un nuovo spazio all’interno a bordo piscina, che dà la possibilità di godere del sole anche nei periodi invernali attraverso le vetrate termoisolanti di nuova realizzazione. La realizzazione maggiore si concentrerà sui lavori della nuova struttura arcuata in legno lamellare per la copertura, ancorata con n. 6 plinti in c.a. lato sud anfiteatro e n. 6 pilastri anch’essi in c.a. sul lato nord spogliatoi. L’aspetto esteriore della copertura si inserirà nel contesto partendo con una copertura ad archi dal livello zero per raggiungere quota di m. 7,60 per poi adagiarsi con delle travi leggermente inclinate al corpo spogliatoio esistente. La copertura, considerata l'ottima esposizione solare, ospiterà dei pannelli fotovoltaici delle dimensioni atte a garantire l'approvviggionamento necessario di energia elettrica giungendo così ad un risparmio energetico. Sulla parete arcuata Est vi sarà un infisso scorrevole a vetro che consentirà il passaggio (senza uscire dall'acqua), dall’ambiente interno a quello esterno, su questo lato le vetrate con profili metallici termoisolanti, saranno maggiori e consentiranno l’entrata della luce naturale nonché la vista sul giardino del complesso termale.

Gli impianti sono stati progettati tenendo ben chiaro i parametri e la stima termica valutata in funzione delle condizioni climatiche del luogo di installazione e delle necessità di temperatura interna richiesta per l’attività da svolgere. Per questo intervento, si è puntato a soluzioni tecnologicamente avanzate con le quali ottenere i seguenti risultati:

  • Riduzione al minimo dei consumi energetici mediante l’utilizzo di tecnologie che recuperino ogni forma di calore disperso nell’ambiente;
  • Sfruttamento delle risorse energetiche naturali e rinnovabili;
  • Riduzione dei costi di gestione e di manutenzione.

Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra

GIOVANNI MARRA

Architetto-Counselor

Laureato in Architettura presso l¢Universit  Mediterranea di Reggio Calabria.

Ha integrato la professione di architetto attraverso la scuola di Counseling ad indirizzo umanistico-relazionale, conseguendo il diploma di Antropologo e di Counselor in Antropologia Personalistica Esistenziale presso l¢Istituto IPAE di Cosenza, (legge n° 4/2013 del 14/01/13 Registro Nazionale dei Counselor Faip Counseling n.250).

                                                                                       Mi racconto¢¦

Amo ricercare l¢armonia e circondarmi di bellezza, in ogni luogo che frequento, cerco di dare sempre il meglio di me stesso ancor pi¹ con le persone che mi scelgono per i loro progetti.

"Cos¬ come l¢albero ¨ un trasformatore di energia (trasforma l¢energia luminosa in energia chimica), ¨ un sintetizzatore di energia (fa la sintesi tra l¢energia che trae dalla terra con l¢energia che capta dal cielo) ed ¨ un creatore, un condensatore e un trasmettitore di energia (produce fiori, frutti e semi e produce ossigeno per mantenere in vita l¢ecosistema), cos¬ anche l¢uomo, se vuole, pu² trasformare, sintetizzare, creare, condensare e trasmettere energia." Antonio Mercurio http://www.sur.it/

Da questa consapevolezza ¨ sorta la necessit  di avere una precisa definizione del ruolo da assumere come architetto, ¢progettista-facilitatore¢, in grado di aiutare le persone a scoprire e a realizzare i propri sogni. Cos¬ come ¢l¢albero¢ riuscire a trasformare, sintetizzare in ¢Architettura¢ e trasmettere energia. L¢intento ¨ quello di restituire ¢Bellezza¢, attraverso un processo corale che genera energia fondamentale per la realizzazione di ogni singolo progetto.

"Il sogno ¨ la nostra sentinella notturna e ci pu² aiutare a meglio contestualizzare la nostra esistenza." Bruno Bonvecchi http://www.ipaecs.it/

Questo concetto si pu² estendere quando parliamo di sogni da realizzare nel campo dell¢architettura, dove la contestualizzazione esistenziale: approda, si integra e fa parte dell¢ambiente fisico circostante.

Nel sogno ¨ contenuta tutta la forza del desiderio che diventa prima immaginazione e poi realizzazione attraverso un progetto. Questo ¨ quanto accade nel momento in cui mi ritrovo con un foglio bianco e incomincio ad immaginare per creare l¢opera architettonica.

¢Il design non ¨ realizzare bellezza: la bellezza emerge da selezione, affinit , integrazione, amore.¢ Louis Kahn

Sin dal concepimento dell¢idea progettuale, si instaura un dialogo con le persone coinvolte, cercando di aiutarle a sviluppare l¢immaginazione verso la ¢Bellezza¢ per s© e per gli altri. Si affronta il rapporto tra il benessere esistenziale e l'organizzazione dell¢ambiente abitativo, in una continuit  interno-esterno. Questo processo dialettico facilita il ritrovarsi nei nuovi spazi architettonici e l¢ambiente intorno, contribuendo cos¬ a migliorare notevolmente l¢equilibrio psico-fisico.

Dopo aver integrato la professione di architetto attraverso la scuola di Counseling, la necessit  ¨ stata quella di sviluppare ed integrare le due professioni, per giungere ad una sintesi frutto di queste due competenze: architetto ¢ counselor.

Con questa nuova figura, posso darmi la possibilit  di accrescere la capacit  di entrare in relazione empatica con il committente. Ci² mi potr  con-¢sentire¢ di viaggiare nel suo mondo come se fosse il mio, ponendo il linguaggio artistico e la creativit  di ogni singola persona al servizio del nuovo progetto. A tal proposito ¨ importante tener presente che coloro che ci sono davanti sono anche artisti, poeti, creativi, ma soprattutto persone che (come dice A. Mercurio) sono pronte a rovesciare i propri punti di vista.  

Come gi  detto prima, tutto ci², generer  un processo dialettico verso il cambiamento, agevolando la messa in atto del progetto architettonico, restituendo alla persona una nuova configurazione ambientale-esistenziale, orientata verso la nuova ¢casa¢ intesa anche come il suo ¢SE¢ interiore¢. La casa spesso riproduce la pi¹ completa e antica manifestazione dell¢anima, l¢atmosfera e l¢essenza di un¢abitazione, divengono percettibili solo su un piano prettamente spirituale ed intuitivo.

Mi piace sempre sentir dire la frase... ¢mi sento a casa¢.

Dal 1994 svolgo l¢attivit  di Architetto nello studio di "Progettazione Integrata" ¢ Cosenza e dal 2012 anche su Messina.

à

Altri progetti di Studio di Progettazione Integrata Arch Giovanni Marra